KartCafe
ROK-CUP AREA CENTRO: Federica Regina Rok



Federica Regina Rok

E’ Federica Scarscelli, la “Fede”, per gli amici la Rokker più forte del Centro. Protagonista da tempo della categoria, la Fede, è giunta in svantaggio all’appuntamento finale di Siena, ha mantenuto il sangue freddo ed ha piegato la resistenza di un rivale spinoso come Paolo Pepi.
Nella Super, con i giochi oramai decisi, a sbarrare la strada al successo del campione Mordini, ci ha pensato Cavina.

ROK - Si prevedevano Emozioni?! E… le emozioni sono arrivate!
L’ultima gara della Rok Centro lasciava presagire un finale ad alta tensione, con Pepi e la Scarscelli sul filo di lana a contendersi la corona finale. Teatro della contesta la pista di Siena, dove al debutto stagionale la Lady Rokker si era imposta sotto un autentico diluvio.
A Siena la “Fede” inizia con la pole, braccata, neanche a dirlo, da Pepi. In prefinale la temperatura del confronto si alza subito, Pepi si infila al primo tornante e tocca la rivale. Il direttore di gara giudica la manovra scorretta e affibbia una penalità al pilota di casa. Cesaroni si guadagna così la partenza al palo con al fianco Toppo.
In finale è sempre un’infrazione di Pepi a decidere la contesa. Questa volta il direttore di gara toglie di classifica l’irruente leader di classifica, così la Scarscelli si impone con merito per la quarta volta in questo campionato e si intasca titolo e biglietto per la Rok Final di Lonato. A fare compagnia alla Rokker umbra salgono sul podio Manuel Cesaroni e Davide Agnoli.

SUPER ROK – Alessandro Cavina conquista pole, pre finale e finale. In realtà la gara del vincitore è stata meno semplice di quanto possa sembrare sulla carta. Alessio Mordini ha reso il compito all’avversario certamente ostico, confrontandosi con grinta sino a pochi giri dal traguardo con Cavina. Un contatto tra i due battistrada, avvenuto a pochissimi giri dal termine, ha proiettato momentaneamente al vertice il rientrante Paolo Simonetti. Quest’ultimo ha chiuso ottimamente in seconda piazza seguito da Antonio Diana e Jacopo Vanelli.